I Comuni Italiani digitalizzati come McDonald ? Sogno o Realtà?

Un sabato qualunque, un sabato Palermitano passato con  le mie piccole bimbe, che amano il McDonald. ( Neanche a dirlo )

Non vado spesso, tuttavia, quando vedono quella “M” gigantesca sulla strada, non posso che fermarmi ed entrare.

Maledetto marketing!!!

Questo è quello che mi è successo due giorni fa.

Ti starai chiedendo ? Cosa c’entra McDonald con la questione con la digitalizzazione dei   Comuni Italiani ?

Resisti e continua a leggere.

Entro dentro e mi accoglie una ragazza che mi accompagna davanti uno schermo touch screen grande.

La tipa, mi comunica che l’ordinativo si effettua digitalmente davanti le “casse automatiche”.

( Da premettere che non hanno nulla di “Cassa Automatica”, sembra invece di trovarsi davanti  un videogame. Sigh! )

Ecco che “clicchi” sulla foto del  panino, patatine, poi scegli la bibita e cosi via. Puoi, addirittura  personalizzare gli ingredienti e poi vai a ritirare o paghi con carta.

Per capirlo meglio, ho trovato in rete questo video amatoriale dove due ragazzi fanno un tutorial .

Tutto normale per McDonald’s che ha già avviato il passaggio al digitale rivoluzionando  i settemila punti vendita sparsi per l’Europa:

Cassieri  sostituiti da computer.

Le casse consentono di scegliere i prodotti del menù e di pagare il conto senza contante.

Leggo e rifletto sulla dichiarazione trovata in rete da un dirigente McDonald che dice:

<< stiamo cambiando l’assetto dei ristoranti.>>

Cosa sta accadendo invece negli Enti Pubblici Italiani ? Stanno cambiando assetto pure loro ?

I Comuni saranno come McDonald tra pochi anni ? Gli impiegati allo sportello saranno sostituiti da un Computer ?

La mia risposta è si! E sarà un bene!

foto

 —  Attenzione!!! Sono una persona che crede nell’essere umano, la persona fa la differenza rispetto alla macchina. Il digitale non può sostituire un cuore ed un’anima !

Penso, però che, le attività ridondanti e ripetitive possono essere sostituite dalle macchine, questo permetterebbe di liberare tempo ai dipendenti pubblici che potrebbero dedicarsi ad altre azioni ad alto valore umano. —

Ma adesso seguimi, in questi 6 punti.

  1. Il personale dei Comuni diminuisce. Il personale dei Comuni stanno diminuendo in quanto chi va in pensione difficilmente viene rimpiazzato anche se è probabile che arrivi il  personale in esubero delle ex province, o di quelle partecipate in difficoltà di commesse ma anche loro andranno in pensione.
  2. La normativa Italiana è già matura. La normativa italiana è ricca e matura di regole tecniche che, anche se arrivate un po in ritardo, oggi potrebbero fare da apripista per il passaggio al digitale.
  3. La volontà politica che spinge verso il digitale. C’è una volontà della politica nazionale che spinge verso il digitale.  Le ragioni sono diverse: c’è chi vuole  innovare perché potrebbe averne un ritorno in termini di popolarità, altri, invece, colgono  nuove opportunità di Business, altri ancora, credono alla trasparenza nella gestione della “cosa pubblica”, altri ancora vengono presi dall’abbaglio del “risparmio” .
  4. Gli Enti pubblici non distribuiscono panini. E’ vero. Gli Enti Pubblici non distribuiscono panini ma certificati, provvedimenti, atti pubblici, tuttavia ci sono processi che possono essere semplificati con il giusto rigore nel rispetto delle norme producendo documenti informatici amministrativi giuridicamente rilevanti ( citando la norma ).
  5. Esistono già i “sportelli telematici” on line e fisici. Ci sono già dei Comuni che si sono attrezzati. Forse il menù non è ancora completo, ma già alcuni enti hanno digitalizzato alcuni procedimenti ed hanno realizzato lo “sportello telematico” dove aziende, cittadini posso compilare una istanza in modalità elettronica e sottoscriverla attraverso l’identificazione della tessera sanitaria che funge da carta nazionale dei servizi
  6. Ingredienti pronti . PagoPa ( sistema di pagamento centralizzato per la pubblica amministrazione è quasi pronto ), Il Pin unico unico potrebbe essere già una realtà attraverso lo SPID tra pochissimo, la normativa sul documento informatico è già matura.

COSA MANCA ALLORA?

Manca un nuovo assetto organizzativo e le piattaforme informatiche a norma !!!

Serve mettersi al lavoro per ripensare i procedimenti amministrativi all’interno di un modello organizzativo nuovo. Non per caso McDonald dichiara che cambierà l’organizzazione dei ristoranti.

La vera sfida l’affronteranno i piccoli Comuni Italiani,  che sono circa il 70% dei Comuni Italiani.

Le amministrazioni dei piccoli Comuni, fanno fatica a comprendere le opportunità ed i costi, fino ad ora,  non giustificano l’investimento.

In realtà, ci sono soluzioni economiche, per poter partire anche con i piccoli Comuni, ma devono ancora essere percepite come vantaggio strategico.

Serve prima, migrare verso un modello organizzativo nuovo ma soprattutto crederci.

Adesso chiudo questo articolo, invitantodi a commentare oppure partecipare attraverso la pagina fan di facebook di questo blog.

Se sei d’accordo con me, non devi far altro che seguirmi , perché presto ne parlerò in modo più specifico.

Ah dimenticavo.

Iscrivendoti alla newsletter avrai le anteprime.

Rimaniamo in contatto, potrei esserti d’aiuto per testare nuovi modelli organizzativi per il tuo Comune.

Buon cielo Sereno.

Dott. Marco La Diega

(tutor digitale)

 

Facebook

0 Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *